Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fiorentina, grande prestazione ma enorme rammarico

I viola avrebbero meritato la vittoria, ma si devono accontentare di un solo punto

Vincenzo Italiano, tecnico della Fiorentina

La Fiorentina ha impattato 2-2 contro la Roma ieri sera. I viola hanno offerto una buonissima prestazione, ma il gol di Llorente nei secondi finali ha rovinato la serata. I tre cambi oltre il ’90 adoperati da Italiano hanno sicuramente inficiato sul risultato. Adesso la Fiorentina rimane ancorata all’ottavo posto a quota 43 punti, mentre la Roma è ancora saldamente al quinto a 48.

Ennesima grande prestazione contro una big per la Fiorentina. Era già successo in altre occasioni con Inter, Juventus, Lazio, Napoli e Atalanta: diventa quasi legge la metamorfosi della Fiorentina nelle gare di cartello. Purtroppo, però, molte volte i viola non raccolgono quanto meriterebbero. Ieri sera l’armata di Italiano ha giocato una partita eccellente, a partire dal solito muro Ranieri che ha annullato prima Dybala e poi Lukaku, impreziosendo la sua prestazione col gol del momentaneo vantaggio nel primo tempo. Milenkovic ha sguerreggiato da gladiatore contro Lukaku inibendolo completamente, Mandragora ha realizzato il suo secondo gol consecutivo e continua a brillare, Belotti ha lottato come un leone offrendo un assist e guadagnando un altro rigore da quando è a Firenze, ma la nota più positiva probabilmente è stata Sottil, giocatore completamente diverso da quello senza idee e spunti a cui ha abituato i tifosi.

Dopo il gol di Mandragora, la Fiorentina si è abbassata notevolmente prediligendo il contropiede. Poi però, al minuto 80 si presenta la possibilità di chiudere i conti: Biraghi si incarica del calcio di rigore conquistato da Belotti, ma Svilar si tuffa e para sulla sua destra. Gli ultimi 10′ la Fiorentina pensa a difendersi, e lo fa anche bene, poi succede l’impensabile a pochi secondi dal fischio finale. Italiano effettua tre sostituzioni insieme oltre il 90′, inserendo Barak, Arthur e Nzola. Mettere tre giocatori nel finale di una gara così delicata non è mai buona cosa, soprattutto metterne tre insieme e non solo uno. Se poi, tra questi, c’è un Arthur non al top è una scelta pessima. Il gol di Llorente, infatti, nasce da una leggerezza di Arthur: Nzola respinge un corner corto di Paredes, Arthur va per proteggere la sfera ma viene spostato con estrema facilità dal difensore e la Roma ha così un’ulteriore chance di buttare il pallone in area. Da una spizzata nasce l’assist per Llorente che lascia partire un missile che si infrange sotto la traversa.

Resta un enorme rammarico per i mancati 3 punti. La Fiorentina vede lontani il quinto e quarto posto, putroppo. La prestazione c’è stata, ma una squadra matura che vuole perseguire grandi risultati deve portare a casa l’intera posta in gare come ieri sera. Non è ancora finita, ma una vittoria ieri avrebbe avvicinato considerevolmente i viola all’obiettivo.

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

FIORENTINA
I viola sono riusciti a trionfare nonostante le assenze e la stanchezza degli impegni...
Oliver Christensen, portiere della Fiorentina
Il portiere danese potrebbe tornare in campo dopo oltre tre mesi...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Altre notizie