Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fiorentina-Roma 2-2, le pagelle viola: Mandragora è un leone

Le nostre valutazioni sul match di stasera

Fiorentina-Roma finisce con il risultato di 2-2. Secondo pareggio consecutivo per i viola, che nonostante abbiano giocato una grande partita, andando due volte in vantaggio, non riescono a raccogliere più di un punto. Ranieri prima e Mandragora poi hanno dato grandi speranze, ma gli errori in fase offensiva e difensiva di Biraghi sono costati caro alla Fiorentina, che adesso dovrà mettersi il tutto alle spalle in vista del Maccabi Haifa giovedì sera.

Terracciano 6: Viene chiamato poche volte in causa. Guida bene la difesa e non può niente sui due gol della Roma.

Kayode 6: Buona partita del numero 33, che pur non potendo spingere con regolarità si fa notare per i tanti palloni recuperati. Solido.

Milenković 6,5: Non soffre gli avversari e guida al meglio i compagni di reparto. Incolpevole sulle reti subite.

Ranieri 7: Manda avanti la Fiorentina con il suo quinto gol stagionale, ormai è un habitué del tabellino. Dietro fa una partita molto attenta, facendosi perdonare per i disastri di Budapest.

Biraghi 4: Propizia il gol di Mandragora, ma sono i suoi errori a costare caro alla Fiorentina. Prima si perde Aouar in occasione dell’1-1, poi lascia le praterie a Diego Llorente, libero di colpire a rete. In mezzo un errore dal dischetto. Così non va, capitano.

Lopez 5: In fase di possesso non aiuta molto i suoi, tanto che spesso è Bonaventura a doversi abbassare. In fase di copertura, invece, è nullo, facendosi sfuggire con troppa facilità Dybala in occasione del pareggio giallorosso. (90′ Arthur sv).

Mandragora 7,5: Un leone in mezzo al campo. Corre dall’inizio alla fine senza mai risparmiarsi, costringendo spesso i centrocampisti della Roma ad arretrare o, addirittura, all’errore. Decide poi la partita con un bel gol, inserendosi come ormai è solito fare. (90′ Barák sv).

González 6: Buona partita dell’argentino sulla fascia destra, di quantità. Non riesce ad attaccare la porta come di consueto, ma i suoi cross sono sempre una spina nel fianco per la difesa romanista. Promosso, dopo un periodo così così. (46′ Ikoné 6: Come al solito impreciso, ma è utile per tenere il pallone sull’out di destra. Può fare di meglio, ma gli abbiamo visto fare di peggio).

Bonaventura 6,5: Partita di grande sostanza da parte di Jack, tanto che nel secondo tempo fa l’esterno sinistro dopo l’uscita dal campo di Sottil. È tornato il Bonaventura che tutti conosciamo.

Sottil 7: Come il numero di maglia. Fa il bello e il cattivo tempo sulla fascia sinistra, crea costantemente pericoli per la difesa avversaria e fa ammonire due giocatori della Roma. Questo è il Sottil che vuole la gente della Viola! (76′ Duncan sv).

Belotti 7: Gli attaccanti si valutano principalmente per i gol, ma ciò che fanno quando non insaccano il pallone fa la differenza, in questo caso in positivo. Lotta, si sbraccia, crea superiorità numerica e si guadagna il rigore poi fallito da Biraghi. È il giocatore che mancava a questa squadra. (90′ Nzola sv)

Italiano 6,5: La prepara bene, e infatti la Fiorentina gioca un calcio arrembante e propositivo, meritando il vantaggio fino al 94esimo minuto. Non gli si può rimproverare la gestione dei cambi e della gara, però nei prossimi giorni vanno fatte delle serie valutazioni: una squadra, qualsiasi sia la sua dimensione, non può non avere gerarchie prestabilite per i rigori.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'incornata dell'ivoriano regala il ritorno ai 3 punti dopo quasi 2 mesi...
La Fiorentina pareggia i conti con Ikoné, ma la vittoria latita da troppo tempo...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Altre notizie