Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Di Livio: “Alla Fiorentina manca sempre concretezza”

Le parole dell'ex calciatore della Viola

Angelo Di Livio è una vera e propria bandiera in quel di Firenze. “Soldatino” ha militato 6 stagioni con la maglia della Fiorentina dal ’99 al 2005, vincendo una Coppa Italia e, soprattutto, contribuendo a riportare il club gigliato in Serie A dopo anni infernali, ovviamente con la fascia di capitano al braccio. Di Livio oggi è stato ospite ai microfoni di Radio Bruno e ha analizzato alcune tematiche concernenti il mondo Fiorentina.

Le parole di Di Livio: “Beltrán si sta rivelando una pedina utile nello scacchiere viola: giocando più indietro nel ruolo ibrido tra seconda punta e trequartista riesce a dare il meglio di sé, e poi davanti è arrivato Belotti. Gli esterni sono fondamentali nel gioco di Italiano e devono assolutamente ritrovare la condizione ideale, mi aspetto dunque che il mister e il suo staff intervengano affinché questo accada, essendo il momento più importante della stagione. A me Sottil piace davvero tanto: ha qualità, è veloce e salta l’uomo, ma non è concreto. Inoltre, poteva evitare il gesto col dito dopo il gol alla Salernitana: certe cose non si fanno, specialmente nel suo caso, e ci sta che qualcuno non glielo perdoni. Nico González lo preferisco a destra, Ikoné a sinistra può far bene e mi stuzzica l’idea di Castrovilli esterno alto. Lo può fare perché ha tanta qualità. Ho visto che ieri è tornato in campo con la Primavera“.

Gli elogi a Kayode: “È un talento, un ragazzo di grande prospettiva. Deve lavorare e crescere perché è un bel cavallo sulla fascia. Mi piace anche perché ha una faccia simpatica, ma ciò che conta è che può dare una grossa mano alla Fiorentina“.

Italiano e il momento attuale della squadra: “Quando un allenatore è nella stessa piazza da un po’ ci sta che si logorino certi rapporti, è normale. La società dovrà essere brava a capire se varrà la pena di cambiare, non ora ma a fine stagione. A Roma l’avvicendamento tra Mourinho e De Rossi ha dato una grande mano d’aiuto. La Fiorentina ha sprecato troppi punti, specialmente nell’anno nuovo così come anche contro il Torino quando doveva vincere e basta. Alla Viola manca la concretezza, ed averla è fondamentale“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Lo stilista era un grande tifoso della Fiorentina...
Cristiano Biraghi, capitano della Fiorentina
Le parole del giornalista sportivo, grande tifoso della Viola...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Altre notizie