Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Beltrán: “Ho preferito la Fiorentina alla Roma e al Real Madrid”

L'intervista rilasciata dal numero 9 argentino

L’inizio di stagione di Lucas Beltrán con la maglia della Fiorentina aveva lasciato perplessi in molti. Il difficile ambientamento in Italia, le pressioni dell’ambiente e la concorrenza con Nzola ne avevano rallentato l’iniziale percorso di crescita, ma dopo aver inanellato ottime prestazioni l’argentino si è preso la Viola. È ormai un punto di riferimento per quanto concerne numeri e prestazioni: da dicembre solo Dušan Vlahović e Lautaro Martínez hanno segnato più di lui. Oggi Beltrán ha rilasciato una lunga intervista ad Eurosport, di cui vi riportiamo alcuni frammenti legati al mondo Fiorentina.

Le avances di Roma e Real e la scelta di Firenze: “È vero, mi hanno contattato Roma, Fiorentina e Real. Ho scelto Firenze perché me lo sentivo. Un giorno mi sono svegliato e ho detto a mio fratello “Voglio andare alla Fiorentina”. Si tratta del club che mi ha voluto maggiormente. Amo la città e il centro sportivo: il Viola Park. Qui sono felice. Penso di aver preso una buona decisione. Commisso? Il presidente è sempre molto presente con noi. Ci parla quasi sempre prima delle partite importanti, negli spogliatoi. Quando noi argentini parliamo di Fiorentina o di Firenze ci viene subito in mente Batistuta. Portare il suo numero di maglia mi rende orgoglioso, spero di rendergli onore“.

L’adattamento al calcio italiano: “Qui i difensori sono più alti, più forti fisicamente, bisogna correre e attaccare in una maniera diversa. C’è più tattica e meno istinto. Già dalla preparazione estiva ho cercato di adattarmi a queste condizioni. Dopo l’ambientamento dei primi mesi ora conosco meglio il calcio italiano e i miei avversari. Con Italiano ho un ottimo rapporto, riesce a tirar fuori il meglio dai giocatori: è molto deciso. Noi come squadra cerchiamo di ascoltarlo e di imparare da lui“.

Il gol alla Beltrán: “È il metodo Gallardo, pressavo il portiere anche 16 anni. A Firenze in allenamento prepariamo questa situazione, lo vuole il mister. È una caratteristica che ho, cerco di non perderla e di tenerla sempre con me. Dove mi piace giocare? Punta, sottopunta, mi piace giocare con la palla tra i piedi“.

Gli obiettivi della Fiorentina: “Penso che, prima di tutto, dobbiamo tenere i piedi per terra, lavorare con umiltà e sacrificio, per cercare di arrivare il più in alto possibile. Si parla di fare un miglior campionato dell’anno passato, cercheremo di dare tutto ciò che abbiamo a nostra disposizione. Europa? L’obiettivo è quello, sì“.

Il paragone con Lautaro: “Mi lusinga. Sta facendo una grande stagione, 22 gol è un numero incredibile. L’ho avuto anche come compagno in nazionale: ho imparato tanto guardandolo giocare. Non ho un giocatore di riferimento: cerco di imparare da tutti, anche da miei compagni che vedo ogni giorno in allenamento“.

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Francesco Flachi, ex giocatore della Fiorentina.

A “1 Football Club”, programma radiofonico in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Francesco...

Club Bruges, prossimi avversari della Fiorentina
Gli avversari della Fiorentina continuano il loro buon momento di forma...
Nicolás Burdisso, direttore sportivo della Fiorentina
Le ultime notizie confermano la separazione dal dirigente argentino...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Altre notizie