Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La Fiorentina si aggrappa a Beltrán

Le prestazioni dell'argentino non sono più una novità

Non è un gran momento per la Fiorentina, purtroppo. Il club viola sta vivendo un 2024 all’insegna delle difficoltà e il pareggio di ieri in casa dell’Empoli ne è l’ennesima dimostrazione. Della partita del Castellani non si salva quasi nessuno, ma c’è un giocatore che si è saputo distinguere in positivo, sfornando l’ennesima ottima prestazione: Lucas Beltrán, il vichingo.

I primi mesi dell’argentino sulle rive dell’Arno non sono stati certo indimenticabili: una doppietta in Conference League contro il modesto Čukarički e niente di più. A Firenze si rumoreggiava per un acquisto considerato sbagliato in partenza e a dire il vero, in parte, questi discorsi non erano del tutto insensati. Per quanto il numero sulla schiena possa far pensare ad altro, Beltrán non è un 9 puro, un bomber d’area di rigore: si tratta di un attaccante che ha il fiuto del gol ma che nell’arco della partita si fa notare per il suo essere un giocatore molto associativo, molto più incisivo a supporto o in coppia con una prima punta vera e propria che non da unico riferimento offensivo, posizione in cui soffre la mancanza di una struttura fisica possente. Nel 4-2-3-1 di Italiano, schierato come ultimo baluardo offensivo, ha sempre faticato.

Da dicembre in poi qualcosa è cambiato. Qualche buona prestazione ha spinto il mister a voler puntare fortemente su di lui e le risposte non sono certo mancate: spirito di sacrificio, raccordo del gioco e soprattutto gol, spesso e volentieri decisivi. Anche contro l’Empoli, in una partita che si è rivelata essere più complicata del dovuto, Beltrán è riuscito a realizzare una rete di pregevolissima fattura con un diagonale destro, eseguito dopo aver eluso la pressione del difensore avversario. Da dicembre ad ora sono già 6 i centri in campionato, gli stessi di Jović e due soli in meno di Cabral che però hanno giocato una stagione intera in maglia viola mentre oggi siamo solo a metà febbraio.

La stagione della Fiorentina è a dir poco altalenante e l’inizio del 2024 è stato certamente al di sotto delle aspettative, ma finché ci sarà Beltrán a mettersi la squadra sulle spalle allora c’è la speranza di poter solo che migliorare.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Rolando Mandragora, centrocampista della Fiorentina
Viola poco efficaci, si poteva provare a calciare di più dalla distanza...
Andrea Belotti, attaccante della Fiorentina
La poca concretezza degli attaccanti viola sta portando risultati insoddisfacenti...
Antonín Barák, giocatore della Fiorentina
I giocatori cechi ad aver vestito la maglia viola nella storia del club...

Dal Network

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Altre notizie