Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fiorentina, ora è tempo di Supercoppa

La squadra parte oggi alla volta dell'Arabia Saudita, l'obiettivo è dare il meglio di sé stessi

Il proverbio dice che quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare, e la Fiorentina non vuole certo venire meno alle aspettative. Archiviato il pareggio casalingo per 2-2 contro l’Udinese, che ha mostrato comunque ottimi segnali specialmente sotto il lato mentale, i viola partiranno tra poco più di un’ora dall’aeroporto Marconi di Bologna alla volta di Riad, dove domani svolgeranno il primo allenamento in vista del Napoli.  Noi di CalcioFiorentina.it vi accompagneremo in questi giorni di trepidante attesa, il conto alla rovescia è già partito. Napoli, Lazio e Inter sono avvisate: la Fiorentina non vuole solo partecipare, vuole vincere la Supercoppa.

Come arrivano i viola all’appuntamento con la storia: Bene, ma non benissimo. Cerchiamo di puntualizzare. Nelle ultime due giornate di campionato tra Sassuolo e Udinese è arrivato solo un punto, raccolto per di più allo scadere nella partita di ieri pomeriggio contro i bianconeri. In mezzo, la vittoria ai rigori contro il Bologna in Coppa Italia. In questa settimana la Fiorentina ha speso davvero tanto sotto il punto di vista delle energie fisiche e mentali, anche perché le partite sono state costellate da una sequela di episodi che non ha fatto altro che innalzare il livello di nervosismo e fatica. Vincenzo Italiano, un cultore del lavoro, rammenta sempre quanto sia importante il riposo, e un viaggio intercontinentale nel bel mezzo della stagione certo non aiuta. Tuttavia, la Fiorentina arriva a giocarsi la Supercoppa con tanta fame e voglia di mostrare di che pasta è fatta. La squadra al momento è ancora al quarto posto in classifica e in corsa per le coppe, dove il cammino è stato praticamente ineccepibile. Il mister sta pian piano trovando la quadra tra rendimento e gioco propositivo, ma soprattutto è riuscito a dare una forte impronta sul piano mentale ai suoi ragazzi, che anche ieri hanno avuto il coraggio e la forza di acciuffare due volte il pareggio. Non è cosa da poco. L’ambiente viola è convinto di potersi giocare le sue carte in Arabia Saudita, anche perché le avversarie – esclusa forse l’Inter – sono alla portata.

Il punto sui singoli: Nico González non sarà della partita e si tratta di un’assenza importante, ma Italiano può scoccare altre frecce dalla propria faretra. Lucas Beltrán ha segnato 3 gol nelle ultime 5 partite di campionato, tutti decisivi per le sorti dei viola, riuscendo finalmente a sbloccarsi. Anche quando non fa gol il vichingo dimostra di poter mettere tanta qualità al servizio della squadra, aprendo spazi per gli esterni e per gli inserimenti di Bonaventura, che avrà voglia di riprendersi dopo un periodo complicato. A proposito, il Napoli è la vittima preferita di Jack, che ai partenopei ha già segnato contro 6 volte in carriera. La difesa è poi un punto di forza, tra le parate di Terracciano e il rendimento in crescita dei centrali si può sperare in grande. Non bisogna certo sperare che sia un solo giocatore a guidare la squadra, proprio il calcio di Italiano ci ha insegnato in questi anni la forza del gruppo rispetto alle abilità del singolo campione, e a Riad il copione sarà lo stesso: giocare di squadra, giocare per la squadra.

La Fiorentina vuole portare la Supercoppa sotto Palazzo Vecchio per la prima volta dal 1996. Non sarà semplice, ma Vincenzo Italiano ha mostrato più volte al popolo viola che niente è davvero impossibile.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

E se l'argentino venisse spostato in avanti di qualche metro?...
Il centrocampista è ormai un simbolo dell'epoca recente viola, e non ha intenzione di fermarsi...
I viola sono ancora in corsa, ma non devono più perdere punti per strada...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...