Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Come scardinare il muro granata?

La Fiorentina deve trovare la chiave per penetrare la difesa del Torino

Fiorentina-Torino sarà l’ultimo match del girone di andata del campionato. Al Franchi si affronteranno due squadre allenate da due allenatori moderni che predicano un calcio offensivo e dispendioso. La Fiorentina deve vincere per assaporare, anche solo per una notte, il terzo posto. Per farlo ci sarà bisogno di una prestazione sontuosa da parte di tutti, ma soprattutto sarà fondamentale trovare la chiave per penetrare la difesa granata.

Le due compagini ci hanno già abituato a incontri mozzafiato, quindi anche per stasera è previsto un match combattuto e dall’esito in bilico fino alla fine. Il Torino occupa momentaneamente la 10a posizione, condivisa con la Lazio, frutto di 6 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte. La squadra di Juric adotta uno stile di gioco moderno, un calcio offensivo che richiede tanta corsa e aggressione, con continue transizioni offensive e difensive e duelli 1 vs 1 a tutto campo. Nonostante l’apparante sbilanciamento offensivo della squadra, il Torino è una squadra ordinata e compatta che subisce pochi gol: attualmente è la quarta miglior difesa della competizione, dopo Inter, Juventus e Bologna. Subisce relativamente pochi gol, perchè comunque sono 17 le reti incassate dal gigante Milinkovic-Savic. Il calcio propositivo di Juric, per molti aspetti simile a quello proposto da Italiano, è un’arma a doppio taglio: se interpretato bene regala spettacolo e consente alla squadra di dominare il gioco, ma ha anche dei punti deboli. La partecipazione attiva di tutti alla fase offensiva presuppone che la difesa giochi molto alta e lasci tanto campo libero alle spalle. La marcatura a uomo tanto cara a Juric deve essere fatta da difensori veloci e forti fisicamente, altrimenti è molto pericolosa, specialmente in campo aperto. Oltre a Buongiorno, ottimo profilo che si è guadagnato anche la chiamata di Spalletti in Azzurro, il Torino ha Rodriguez e Tameze come braccetti ed entrambi sono difensori centrali adattati. La Fiorentina ha degli esterni rapidi e abili nell’1 vs 1, per cui dovrà sfruttare questo fattore a proprio vantaggio. Considerando gli spazi che può concedere la difesa granata, esterni come Ikonè e Sottil sono l’ideale per questa partita, anche se verosimilmente solo uno dei due partirà titolare considerando che l’altro esterno sarà sicuramente Kouamè.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Italiano dovrebbe seriamente valutare la possibilità di cambiare assetto tattico...
Il ceco sta avendo pochissimo spazio in questa stagione...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...