Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ferencváros-Fiorentina 1-1, le PAGELLE viola: male gli esterni, bene i centrali

Le pagelle dei viola dopo il pareggio per 1-1 in casa del Ferencváros

Ferencváros-Fiorentina termina con un pareggio per 1-1 che conferma il primo posto dei viola e che manda anche i magiari alla fase successiva della competizione. Bella prova dei difensori centrali, specialmente di Ranieri, ma anche tante insufficienze. Di seguito le pagelle della Fiorentina.

Christensen, 7: Ormai è una certezza, potrebbe quasi insidiare il posto a Terracciano. Dà sicurezza al reparto, fa tanti anticipi e compie delle parate davvero importanti.

Kayode, 5,5: Oggi non molto concentrato. Spinge poco davanti e stava per combinare un patatrac in difesa. Per il resto normale amministrazione, ma ci ha abituati sicuramente meglio.

Milenković, 6: Oggi capitano. Classica partita solida del centralone serbo che per poco non sfiora il gol con un colpo di testa. Sfortunato nell’occasione del gol degli avversari.

Ranieri, 7: Bravo a crederci nel momento del gol, che lo rende con 3 reti capocannoniere della viola in Europa. In conferenza stampa ha detto di essere migliorato molto negli ultimi anni, e lo dimostra ogni giorno che passa con le prestazioni in campo.

Parisi, 5,5: Non fa una brutta partita, ma nel suo ruolo si vuole vedere di più da parte sua. Non bene nel gol degli ungheresi, dove si fa trovare in ritardo.

Lopez, 5: Sfrutta male l’occasione. Molto impreciso nei passaggi e sui calci piazzati, spesso è lento nel decidere cosa fare. Non basta.

Mandragora, 5,5: Fa l’unico tiro in porta della Fiorentina nel primo tempo, ma si vede troppo poco. (18′ st Nzola, 6: Sbaglia un gol da fare, ma si muove bene e ci mette tanta voglia. Sembra rinato, almeno mentalmente).

González, 6: Gioca meno di 20 minuti ma ci mette grande personalità come al solito. Speriamo che l’infortunio non sia di lungo corso. (19′ Ikoné, 4,5: Partita fotocopia della maggior parte in maglia viola, non è più una novità. Sempre indolente, sempre a dare la sensazione di non aver voglia di giocare. Sbaglia un controllo nel primo tempo che avrebbe potuto dare il vantaggio alla Fiorentina).

Barák, 5: Ieri Italiano ha detto che deve ancora trovare la condizione ideale e oggi lo dimostra. Si vede poco, ed è troppo molle sul pallone.

Brekalo, 4,5: Ennesima partita ectoplasmatica dell’esterno croato, che sfrutta male l’occasione concessagli da mister Italiano. Deve assolutamente cambiare marcia. (18′ st Kouamé, 6: Irrinunciabile per Italiano. Si vede poco in fase  offensiva ma fa tanto lavoro sporco dovendo arretrare il suo raggio d’azione nel 4-4-2 finale).

Beltrán, 5,5: Viene cercato poco dai compagni e soffre la marcatura di Cissé. Meglio con l’ingresso di Nzola.

Italiano, 5,5: Non sbaglia i cambi, ma la scelta di Nico dal primo minuto, appena rientrato dall’infortunio, è quantomeno opinabile.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le nostre valutazioni ai giocatori viola dopo la straordinaria vittoria nello scontro diretto...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...