Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fiorentina, non mancano i rimpianti

I viola hanno conquistato un pareggio importante all'Olimpico, ma forse si poteva fare di più

Si può non essere soddisfatti per un pareggio in casa di un’avversaria per la qualificazione in Champions? Sì, anche se l’avversaria in questione è la Roma, il cui monte ingaggi è nettamente superiore a quello della Fiorentina. I viola, dopo lo svantaggio, hanno giocato una partita tenace, ma dopo il pareggio di Quarta non sono mai riusciti a creare pericoli dalle parti di Rui Patricio. Più passano le ore, più aumentano i rimpianti.

3 minuti per cambiare una partita: La sfida dell’Olimpico per la Fiorentina è cambiata nell’arco di 180 secondi. Prima la traversa colpita da Bonaventura, simbolo di una viola mai doma fino a quel momento, poi l’espulsione per doppio giallo a Zalewski e infine l’incornata vincente di Quarta, ormai vero e proprio goleador di questa squadra. Ma poi? L’inerzia della gara era dalla parte della Fiorentina, che sfruttando l’uomo in più e le ali dell’entusiasmo avrebbe potuto attaccare per portarsi avanti, ma invece non è mai riuscita a rendersi efficace. Il gol di Quarta doveva essere la spinta per un finale all’attacco ma si è trasformato nel punto conclusivo delle ambizioni viola, che da quel momento in poi hanno provato a farsi vedere solo con cross dalla trequarti e poco altro.

Non perseverare: Perché è “diabolico” come dice il proverbio. La Fiorentina gioca all’attacco ma deve imparare a fare male e a non specchiarsi troppo. La mezzora successiva al gol del centrale argentino è sembrata la fotocopia della partita contro la Juventus: tanto possesso palla, tanti cross ma nessuna limpida occasione da gol. Il dato è ancora più grave se si pensa che negli ultimi 10 minuti la Roma è rimasta addirittura in 9 per un rosso a Lukaku. Con questa superiorità numerica e con un attacco avversario privo dei suoi migliori giocatori –Dybala è uscito nel primo tempo – era lecito aspettarsi di più. Mister Italiano deve lavorare tanto su questo aspetto: si può attaccare in più modi

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'attaccante senegalese è il leader della formazione Primavera...
Il centrocampista della prima squadra torna ad assaggiare il campo...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...