Calcio Fiorentina
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Come vanno gli ex attaccanti viola?

Gli attaccanti della Fiorentina non sono gli unici a passare un momentaccio

Come ormai sappiamo, attualmente la Fiorentina ha un problema in attacco: mancano i gol. Sia Nzola che Beltrán stanno rendendo sotto le aspettative, e tra i tifosi viola qualcuno inizia a chiedersi se non fosse stato meglio tenere gli attaccanti della scorsa stagione. Ma come stanno andando le avventure di Arthur Cabral e Luka Jović, rispettivamente con Benfica e Milan, fino a questo momento?

Cabral: Dopo un anno e mezzo di Fiorentina condito da 19 gol in 64 presenze tra tutte le competizioni, il Benfica ha deciso di investire 20 milioni di euro sul centravanti brasiliano come sostituto di Gonçalo Ramos, ceduto al PSG. Fino ad ora però il rendimento di “Re Artù” è stato assai deludente. In 14 presenze con i lusitani, infatti, Cabral è riuscito a mettere a segno soltanto due reti, una in coppa nazionale e una in coppa di lega, partendo dal primo minuto in sole 5 occasioni. L’ex viola non è ancora riuscito a trovare posto nello scacchiere di Roger Schmidt, e al momento non sembrano esserci i presupposti per un cambio di rotta.

Jović: Convivere con un attaccante del calibro di Giroud non è semplice, ma Luka Jović ci sta mettendo del suo. L’attaccante serbo è arrivato al Milan a titolo gratuito, e fino ad ora la sua esperienza è stata del tutto fallimentare. Jović ha collezionato 7 presenze complessive di cui solo due da titolare, ma è sempre apparso lento e fuori forma, persino indolente: scene purtroppo già viste per l’ex promessa del calcio serbo. Giroud resta irrinunciabile nonostante l’età e Okafor ha già dimostrato di poter essere più utile alla causa rossonera, ma data la squalifica del francese toccherà proprio a Jović giocare dal primo minuto contro i viola.

L’attacco della Fiorentina è al momento in grande difficoltà, ma Vincenzo Italiano sta provando a trovare una quadra e un sistema che possa mettere a suo agio le sue punte – anche se Beltrán ha già mostrato qualcosa di positivo. L’erba del vicino è sempre più verde, ma la Fiorentina può benissimo fare a meno sia di Jović che di Cabral, che a Firenze non hanno certo lasciato ricordi indelebili.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Italiano dovrebbe seriamente valutare la possibilità di cambiare assetto tattico...
Il ceco sta avendo pochissimo spazio in questa stagione...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...